Noam Chomsky | Sociologo USA

Noam Chomsky
Condividi

Dalla manipolazione mediatica al controllo sociale, dalla critica a Trump al rifiuto dei poteri forti: tutte le guerre del pacifista Chomsky Un pacifista e scettico illuminista: chi è Noam Chomsky Nato a Filadelfia nel 1928, figlio di William, studioso di linguaggio ebraico, Noam Chomsky è considerato il padre della grammatica universale. Celebre teorico della comunicazione, studia filosofia e matematica e si specializza in linguistica. Si definisce uno scettico illuminista e pacifista, si occupa di temi di attualità e di diritti umani. In netta contrapposizione con la politica aggressiva e colonialista americana, insegna all’università del Massachusetts. Da sempre schierato contro ogni forma di guerra, ha scritto saggi contro la guerra in Vetnam, il terrorismo e l’attentato dell’11 settembre. Il linguaggio e Leggi di Più

Dai un Voto!
Condividi

Cosa vuol dire essere giovani, quando giovani non lo si è più

giovani
Condividi

Dalla guerra contro lo Straniero dentro, all’aderenza ai Tipi Ideali: essere come vogliono gli adulti, figure di riferimento e di contrasto Quando si è giovani, almeno una volta nella vita ci si sente pronunciare la frase: “Un giorno capirai cosa vuol dire essere adulti.”, questo perché si pensa che i nostri ragazzi non siano in grado di vestire i panni degli adulti di riferimento, che amino vivere nella dolce illusione di una vita leggiadra e priva di responsabilità, come se l’adolescenza fosse un’amaca su cui dondolarsi all’infinito. E se anche gli adulti avessero bisogno di un manuale, di un saggio o di una guida per ricordarsi cosa voglia dire essere giovani, quando ormai giovani non lo si è più? Lucia Leggi di Più

Dai un Voto!
Condividi

La pandemia non è uguale per tutti

Coronavirus pandemia
Condividi

Come l’emergenza Covid-19 ha ristrutturato gli edifici e le rappresentazioni planimetriche dei giovani. Limbo esistenziale, incertezza del futuro e vagabondaggio sociale: durante l’emergenza Covid-19 si è sentito spesso parlare di situazioni di disagio vissute dalla categoria dei giovani, disagi non solo occupazionali, ma anche esistenziali. Prima di sviscerare la complessa tematica, è utile comprendere chi sono oggi i giovani: non esiste un range che racchiuda in maniera categorizzante e definitiva la fase in cui si è giovani, poiché l’appartenenza a tale categoria riguarda più che l’età, le condizioni di vita. Si è giovani quando non si è più dei bambini, ma non si è ancora degli adulti, si è giovani quando non si possiedono ancora gli strumenti socio-economici per lasciare Leggi di Più

Dai un Voto!
Condividi